Venerdì, 14 Luglio 2017 15:03

“Da Ciccio Cielo Mare Terra” di Amalfi, ecco i sapori dell'estate

Si è aperto il sipario sui sapori dell’estate al ristorante “Da Ciccio Cielo Mare Terra” di Amalfi. La presentazione del menu estivo è stato un  momento di convivialità e relax, in cui gli ospiti  hanno avuto  l’occasione di raccogliere i racconti dello chef Marco Cavaliere e capirne in profondità le scelte gastronomiche.

Il Ristorante “Da Ciccio Cielo Mare Terra” è una delle strutture più antiche della Costiera Amalfitana, che vede oggi la quarta generazione della famiglia Laudano-Cavaliere adoperarsi al completo nella gestione di sala, cucina e cantina.

La cucina mira a salvaguardare i sapori del territorio e a promuovere l’attualità, associando l’esperienza dei più grandi all'entusiasmo dei più giovani.

La presentazione del menu estivo  è iniziata con  un aperitivo alle ore 19:00 svoltosi nel meraviglioso dehor del ristorante con affaccio sul mare dove sono stati serviti dei cocktail a base di Limone Costa D’Amalfi I.G.P.. Successivamente alle ore 20:00 titti  in sala per assaggiare il nuovo menu degustazione preparato per la stagione estiva dal resident chef e accompagnato dai vini biologici dell’azienda partner dell’evento Monte di Grazia di Tramonti.

L’azienda vinicola Monte di Grazia nasce nel 1993 grazie alla passione e alla determinazione di Alfonso Arpino, medico, che inizia a occuparsi dei vigneti di famiglia, e lo fa coltivando diverse e rare varietà locali di vite in un territorio dalle condizioni geografiche difficili. L’instabilità del terreno amalfitano costringe a una raccolta imperativamente manuale su un suolo terrazzato. L’enologo dell’azienda,Gerardo Vernazzaro, segue Alfonso Arpino nelle pratiche vitivinicole, dando vita a dei vini di carattere e dal quadro aromatico fortemente rappresentativo del territorio. I vini in abbinamento alle pietanze preparate dallo chef  Marco Cavaliere sono stati scelti in maniera molto accurata con lo scopo di esaltare al meglio materie prime locali di grande qualità.

Letto 82 volte

Media