Sabato, 26 Novembre 2016 18:36

De Luca, Trianon più utile dell'Esercito

Scritto da

"Oggi si realizza un doppio miracolo, il primo è che un amministratore pubblico mantiene le promesse, il secondo è sui tempi ristrutturazione, visto che il cantiere è partito ad agosto. Questa è un'iniziativa più utile dell'Esercito che fa la guardia ai vicoli". Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, all'inaugurazione, oggi, del Teatro Trianon, in Piazza Calenda, all'inizio del quartiere di Forcella, dove a Capodanno del 2016 venne ucciso in una "stesa" di camorra Maikol Giuseppe Rossi, 27enne vittima innocente. "Aprire un teatro è l'iniziativa più importante che possiamo mettere in campo per Forcella", ha aggiunto De Luca dal palco ristrutturato insieme a Nino D'Angelo, direttore artistico del Trianon e Giovanni Pinto, presidente del teatro, spiegando che sui contenuti "stiamo pensando di specializzare il teatro sulla canzone napoletana magari per offrire suggestioni anche ai turisti, penso ai crocieristi, ma anche per il quartiere è importante".

Scopriamo le carte!”: è il titolo dell’iniziativa in programma venerdì 29 gennaio alle ore 18.30 nella sala “Giardino d’inverno” dell’hotel Stabia di Castellammare di Stabia (corso Vittorio Emanuele 101). Un momento importante, in quanto per la prima volta si presenterà in forma pubblica la neonata associazione “Ri… comincio da qui”, nata tra l’area vesuviana e la provincia di Salerno con l’obiettivo principale di sostenere le medie e piccole imprese nella collocazione all’interno di un circuito virtuoso di collaborazioni, con lo scopo di creare o valorizzare le attività imprenditoriali organizzate.

Condivisione, opportunità, crescita, formazione: sono queste le parole d’ordine dell’associazione, che si rivolge principalmente alle imprese, agli artigiani, ai liberi professionisti, ai giovani e a chiunque sia desideroso di “mettersi in gioco” nel capo del lavoro.

Ri… comincio da qui” opera “esclusivamente – dicono i responsabili – per promuovere lo sviluppo imprenditoriale, anche attraverso il perseguimento, la nascita e lo sviluppo di reti d’impresa e delle start-up. L’associazione inoltre punta alla promozione della sana cultura d’impresa sviluppando il concetto di fare rete; fornire supporto agli associati dal punto di vista di servizi di consulenza, assistenza, tutoraggio, formazione, comunicazione e commercializzazione e tutto quanto ritenuto utile per la loro crescita”.

A presiedere l’associazione è Donatella Donadio, dottore commercialista, consulente del lavoro e revisore contabile, con una forte passione per la politica che l’ha portata a essere assessore a Sant’Antonio Abate con deleghe al bilancio e alla programmazione economica, alle attività produttive e nel 2009 candidata a sindaco sempre di Sant’Antonio Abate.

Vicepresidente è Domenica D’Auria, dal 1992 responsabile commerciale nel settore pubblicitario e della comunicazione, con incarichi che le hanno permesso – grazie alla collaborazione con alcune tra le maggiori aziende nazionali – di maturare una notevole esperienza e competenza nella gestione delle relazioni con i clienti e nella gestione contabile e amministrativa aziendale. Tesoriere è Rosa Castellano, avvocato civilista, in particolare nel campo del diritto al lavoro, diritto commerciale e fallimentare; Castellano è stata curatore fallimentare e consulente legale di diverse realtà aziendali e sindacali. Consigliere dell’associazione è invece Lucia Pavia, revisore contabile iscritta all’ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Torre Annunziata, collabora da oltre venti anni con altri studi professionali, approfondendo in questo modo tematiche tecnico-economiche di settore.

 

Per maggiori informazioni: www.ri-cominciodaqui.com e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 Corteo e traffico in tilt a Caserta per una protesta dei lavoratori addetti alle pulizie dei 7 ospedali e dei presidi dell'Asl: sotto accusa il nuovo appalto triennale aggiudicato all'azienda di Ivrea Rtcm Service che prevede un taglio del monte ore del 56% ed esuberi, secondo i sindacati, di 180 delle 388 unità lavorative. Cinque dipendenti sono saliti sul tetto della direzione generale dell'azienda sanitaria con uno striscione "Asl: questo appalto è peggio di un licenziamento".