Campagna pro cannabis, bufera sull’onorevole Carmen Di Lauro. FdI: “Dimissioni immediate” news

Lunedì, 15 Giugno 2020 07:20 Scritto da  Pubblicato in All News Letto 172 volte
Rate this item
(0 votes)

“La deputata stabiese Carmen Di Lauro vuole restituire il rispetto ad una pianta e legalizzare la cannabis. Lo vada a dire ai morti che la camorra ha fatto nella sua terra, a tutte le vittime del narcotraffico, ai boss ancora latitanti, all’economia devastata. Nemmeno un grazie alle forze dell’ordine che ogni giorno ci liberano da questa gente senza scrupoli. Parlare di gaffe dell’onorevole è poco: dovrebbe chiedere scusa a tutti i cittadini, alla gente per bene, ai carabinieri, ai pm, dimettersi e andare finalmente a casa e liberarci da queste idiozie. Di Lauro non sa di cosa parla ed è dannosa per tutti”. Così il coordinamento Fdi dell’area stabiese.

 

“In che modo esattamente la deputata del M5s Carmen di Lauro vorrebbe legalizzare la cannabis? - ha continuato il coordinamento - Nessun rispetto né conoscenza dei territori di appartenenza. Quelle coltivazioni e quei traffici proprio nell’area di origine della deputata hanno fatto la ricchezza della camorra. Ma lo sa l’onorevole che anche a causa di quella droga nella sua terra ci sono stati morti, distruzione, infiltrazioni nell’economia, ci sono boss ancora ricercati? Ma di cosa va parlando Di Lauro?

 

Invece di complimentarsi con le forze dell’ordine per l’eccellente lavoro svolto nel reprimere questi criminali ci ritroviamo la deputata, che dovrebbe svolgere il suo ruolo anche per i cittadini di Castellammare di Stabia e del comprensorio, promotrice di una campagna a favore della sostanza che ha devastato la sua terra? 

 

Appena il 3 giugno scorso carabinieri ed Antimafia hanno arrestato 21 persone per narcotraffico di marijuana ed effettuato un sequestro da 15 milioni di euro. La camorra aveva realizzato una piattaforma unica per la distribuzione della cananbis sulle diverse piazze di spaccio. Qualche giorno dopo ci ritroviamo sui social di una deputata di Castellammare la ‘battaglia di civiltà’. Carmen Di Lauro, è bene ribadirlo, vuole restituire il rispetto ad una pianta.

 

Siamo veramente all’assurdo ed all’irresponsabilità massima. Dopo questa gaffe (e non vogliamo esagerare con i termini ma i fatti sono veramente molto gravi) l’unica cosa che la deputata dovrebbe fare è dimettersi. Magari così troverebbe il tempo di studiare e di capire a cosa ci riferiamo. Eravamo consci delle tante iniziative di altissimo livello prodotte dall’onorevole in questi anni, che siede in Parlamento tra una seduta di yoga e qualche video spot dai colori sgargianti, ma mai ci saremmo aspettati potesse arrivare a tanto. Consigliamo all’onorevole e a tutti i suoi amici di Movimento di continuare a parlare di monopattini e di bici elettriche e di lasciare temi ben più importanti agli adulti”.